Porto di Gioia Tauro

Home / Osservatorio TRAIL / Infrastrutture / Porto

Descrizione

Il porto di Gioia Tauro è uno dei principali terminal di transhipment del Mediterraneo. L'avvio della costruzione risale agli anni '70 nell'ambito del "Pacchetto Colombo" progetto speciale attuato per colmare il gap infrastrutturale del Meridione e in particolare della Sicilia e della Calabria.
Il porto nasce dall'idea di sfruttarne la posizione baricentrica nel bacino del Mediterraneo, infatti dista solo 80 miglia dalla rotta principale dei traffici mondiali che si dipana tra Suez e Gibilterra.
La dotazione infrastrutturale, la profondità dei fondali e le caratteristiche fisiche dei terminal permettono al porto di accogliere le navi transoceaniche in transito nel Mediterraneo e di collegare lo scalo, mediante una fitta rete feeder, a più di 50 porti mediterranei.
Il porto opera in un’area di influenza che comprende il Nord Africa, la Spagna, la Francia, l’Egeo e il Mediterraneo. La quota di merci originata o destinata al trasporto terrestre è all'incirca il 5% del totale movimentato.
Con circa 3 milioni di teus Gioia Tauro è il primo porto italiano per contenitori movimentati, superando di gran lunga Genova e La Spezia, nonchè Cagliari e Taranto che sono gli altri due porti di transhipment in Italia.
Il terminal autoveicoli ha movimentato nel 2014 91.854 veicoli.

Ente di gestione

AUTORITA' PORTUALE DI GIOIA TAURO

Caratteristiche tecniche

  • Località: Rosarno
  • Numero di bacini: 2
  • Profondità fondali (m): 18
  • Lunghezza totale banchine (m): 5.152
  • Numero di piazzali: 111
  • Servizi portuali:
    • Distributore di gasolio S.I.F. in banchina (h. 24)
    • rifornimento carburante tramite autobotte previa autorizzazione dall’Autorità Marittima
    • illuminazione banchine
    • scalo di alaggio (solo periodo estivo)
    • riparazione motori
    • riparazioni elettriche ed elettroniche
    • riparazione scafi in legno, vtr ed acciaio
    • riparazione vele
    • guardianaggio
  • Compagnie marittime:
  • Altre caratteristiche:
    • L'area industriale occupa una superficie di 360 Ha
    • Il terminal container è gestito dalla società Medcenter Container Terminal del gruppo Contship. Ha una superficie di 160 Ha con una capacità di stoccaggio di 75.000 teus e una capacità di movimentazione di 4,2 milioni di container/anno
    • Il terminal auto ha una superficie di 27 Ha con una capacità di 14.500 auto. Le banchine hanno una lunghezza di oltre 700 m e i fondali una profondità di 15,5 m. Il terminal è dotato di un binario ferroviario
    • Il porto è dotato di 2.350 prese frigorifere
    • Sono presenti gru mobili da 5 a 50 t
    • Gru di banchina: 27
  • Principali collegamenti esistenti: Attualmente sono attive linee transoceaniche da e per:
    • l’Estremo Oriente
    • il Nord-Europa
    • il mar Rosso
    • il Nord-Atlantico
    • l’Australia/Nuova Zelanda
    • la costa orientale U.S.A.
  • Totale merci (ton): 32.278.717
  • Totale arrivi e partenze: 1.553
  • Container totale (TEUs): 2.969.802
  • Anno di rilevazione: 2014
  • Fonte: ASSOPORTI
  • Aumento / decremento merci totali rispetto all'anno precedente (%): -4,4
Fonte: www.google.it
Fonte: www.google.it
scheda aggiornata al 28/01/2016
IN COLLABORAZIONE CON